Banda larga: Di Lorenzo interviene sulla copertura lucana

La fibra ottica su cui viaggia la banda larga

La fibra ottica su cui viaggia la banda larga

POTENZA – La diffusione del web a banda larga, in Basilicata, risulta ancora inadeguata rispetto alle reali esigenze della popolazione e delle imprese. E’ quanto ha dichiarato il Consigliere regionale, Pasquale Di Lorenzo, del Gruppo di Alleanza Nazionale verso il PDL, a commento della risposta fornita dal Dipartimento della Presidenza della Giunta ad una sua specifica interrogazione nella quale si chiedeva il grado di copertura nel territorio lucano ed i programmi di investimento e di potenziamento di tale servizio per il futuro. Per la Basilicata, afferma Di Lorenzo, e soprattutto per i piccoli comuni, la diffusione capillare della Banda larga potrebbe rappresentare  uno strumento per ridurre il gap dovuto  all’attuale isolamento infrastrutturale. La banda larga e una velocità minima di connessione, infatti,  costituiscono  un requisito tecnico irrinunciabile per la diffusione di alcuni servizi come il telelavoro, la telemedicina, l’IPTV, la teleconferenza, la videochiamata e l’avvio di un’attività a distanza. In Basilicata, sottolinea Di Lorenzo, un comune su quattro è praticamente privo della copertura della banda larga: in pratica il 10% della popolazione, in gran parte concentrato nei  piccoli Comuni. E la copertura della banda larga non migliora se si guardano i dati relativi agli agglomerati industriali delle due Province. I  dati citati nella risposta all’interrogazione, evidenziano due situazioni differenti per le province lucane. Nel potentino, vi è per tutte le aree industriali la copertura della banda larga o una copertura parziale. Nella Provincia di Matera, invece, ad esclusione delle  zone di Jesce e La Martella,  non vi è copertura, e anche l’area della  Val Basento, dove sono insediate  ben 73 aziende, rimane esclusa.