Calcio: Serie C; il Matera sciopera, la Reggina vince 6-0

Sciopero confermato da parte dei giocatori del Matera, che hanno disertato il match di Santo Stefano con la Reggina, valido per la diciannovesima e ultima giornata di andata di campionato, lamentando il mancato pagamento degli stipendi. In campo è scesa dunque la squadra Berretti di Franco Danza, integrata con alcuni ragazzi dell’under 17 di Vito Chimenti, che ha fatto ciò che ha potuto, ma si è arresa per 6-0 ai calabresi. La Reggina mantiene sin dalle prima battute un predominio territoriale, senza però creare clamorose occasioni da rete. Ci prova Seminara al 9’, ma il suo diagonale termina sul fondo. I baby biancazzurri tengono bene il campo, ma sono costretti a capitolare solo al 35’, su bel taglio di Ungaro, che, servito per vie centrali da Sandomenico, si trova solo davanti a Fortunato e lo batte senza difficoltà. In avvio di ripresa, gli ospiti trovano il raddoppio con il neo entrato Viola, che prima trova la respinta di Fortunato e poi sulla ribattuta è pronto a spedire a rete. I calabresi comandano il gioco e centrano il tris ancora con Viola. Da quel momento non c’è più storia, la gara si trascina avanti fino ai minuti conclusivi, e sono Bonetto, Tulissi e Mastrippolito ad arrotondare nel recupero il risultato, rendendolo troppo amaro per i giovanissimi del Matera. A fine gara, il presidente Lamberti, rimarcando il precedente unico a livello calcistico, si è dichiarato tranquillo e ha ribadito la priorità di salvare il Matera calcio.”Con i giocatori avevo parlato dopo Castellammare per spiegare la situazione, ma evidentemente non sono stato chiaro”, ha aggiunto Lamberti, che ha allertato nuovamente la Berretti per il match di domenica prossima a Rieti. “Non dipende da me, non è una scelta mia se scendere o meno in campo. A gennaio si aprirà il mercato e sarà in quella sede che farò le scelte”, ha concluso il patron.

Share Button