Lega Pro verso la svolta?

Roma – E’ tornato a riunirsi nella sede della FIGC a Roma il Consiglio Federale. Tra i vari punti all’ordine del giorno, è stata approvata la norma transitoria dell’art. 50 delle Norme Organizzative Interne Federali, con la quale si dispone che le modifiche dell’ordinamento dei Campionati di Lega Pro potranno essere deliberate entro il 31 luglio prossimo per poter poi entrare in vigore dalla stagione sportiva 2012/2013. E’ stato fissato inoltre per gli eventuali ripescaggi della stagione sportiva 2011-2012 il termine del 29 luglio 2011, ore 19:00, per il deposito delle relative domande e della documentazione richiesta, fermo restando che non sarà assolutamente consentito il doppio salto di categoria. Il Consiglio Federale ha concesso anche il visto di conformità al regolamento della Lega Nazionale Dilettanti che individua i criteri di formazione della graduatoria per gli eventuali ripescaggi delle società di Interregionale in Seconda Divisione. “Tutti hanno votato a favore per la posposizione dei termini – ha dichiarato il presidente della Figc Abete – essendo necessario vedere come regge il sistema delle iscrizioni prima di fare delle proposte sul format dei campionati”. Per quanto riguarda la Lega Pro, Abete ha confermato che se non si raggiungerà il tetto delle 76 squadre, si adotterà un format minore, considerando però che le squadre possono essere ancora 90 e che alla prima carenza verrà recuperato il Rimini, vincitore dei play off di serie D. Il presidente federale ha infine ricordato che, per l’ok alla eventuale riforma dei campionati saranno necessari i 4/5 dei voti in Consiglio Federale: l’auspicio è che possa trattarsi di una proposta condivisa, ricordando comunque che ognuno si prenderà le proprie responsabilità in modo che l’opinione pubblica avrà chiaro chi avrà votato contro e le motivazioni.