A Sant’Arcangelo si chiude la quinta edizione del Matera Sport Film Festival

Al centro Francesco D'Onofrio

Al centro Francesco D’Onofrio

Nella sua giornata conclusiva la quinta edizione del Matera Sport Film Festival ha fatto tappa a Sant’Arcangelo, nel suggestivo scenario di Santa Maria dell’Orsoleo. Il Festival quest’anno collabora, tra gli altri, con la Fondazione Città della Pace e dei Bambini che proprio a Sant’Arcangelo si è concretizzato, da qualche anno, trasformando l’Orsoleo in un vero e proprio punto di riferimento di pace e integrazione che già aveva ospitato il Dalai Lama e , poche settimane fa, l’attrice Sharon Stone.

Presenti tra gli altri, all’evento santarcangiolese, Michele Di Gioia, direttore del Festival, l’amministrazione comunale di Sant’Arcangelo e una grande rappresentanza dei ragazzi ospiti del centro di accoglienza gestito dalla cooperativa ‘Il Sicomoro’.

Sullo schermo sono stati proiettati i film vincitori del Festival, nato per raccontare, attraverso il linguaggio cinematografico, le storie di vita legate alle storie di sport, la cultura e l’integrazione favorite dalla passione, in contesti dove un pallone diventa lingua universale tra popoli diversi.

E poi ci sono le storie di casa nostra. Quelle che, a raccontarle, sembrano davvero film. Come la storia di Francesco e Terryana D’Onofrio, di Sant’Arcangelo, giovanissimi atleti campioni mondiali in una disciplina che richiede, forse più di molte altre, dedizione e disciplina: il karate. Figli d’arte, del maestro Vincenzo D’Onofrio, e di una famiglia che li segue e li supporta, Francesco e Terryana (non presente all’evento perché impegnata in Croazia) hanno toccato il tetto del mondo.

Share Button