Da Pozzovivo il riscatto dello sport lucano

Domenico PozzovivoBasilicata ultima anche nello sport ormai da anni. Le imprese delle ragazze del volley, prime in Italia ed in Europa, sono un ricordo sbiadito. Adesso il trend negativo comincia a smaterializzarsi. La piccola Basilicata dove tutto sembra essere difficile, a volte impossibile, ha iniziato nello sport una lenta risalita.

Nel basket la bella prova della Bawer Matera nella Lega Silver. L’incantesimo si è rotto ai quarti, ma squadra e società sono comunque in crescita. E i grandi traguardi si costruiscono a tappe.
Nel calcio, dopo la promozione in serie C, c’è voglia di bis con la conquista dello scudettp della Quarta Serie.

Ma le emozioni più belle le sta regalando non solo ai lucani, ma all’intero Paese Domenico Pozzovivo in questa edizione del giro d’Italia in bici.

Da qualche giorno la carovana rosa viaggia in alta quota con suggestivi e durissimi percorsi di montagna. E lui, il piccolo scalatore di Montalbano Jonico vola davvero alto. Quarto in classifica generale quando le salite del giro non sono ancora terminate.

Il suo è uno spettacolo unico quando abbandona la sella, si issa sui pedali e caracollando se ne va con il vento in faccia, facendo il vuoto tra gli avversari. Domenico Pozzovivo, ragazzo taciturno e di poche parole, ma con tanto coraggio ed una grinta da fare paura. Gli esperti si dividono sul suo risultato finale: qualcuno lo pronostica in rosa a Trieste, altri manifestano subbi e perplessità.

Comunque vada finir, per noi lucani quel furetto a due ruote ha già vinto per tenacia, passione e sacrificio. Cosicchè Pozzovivo diventa l’immagine della comunità lucana che faticosamente e da sola cerca di farsi spazio magari sgomitando anche e alzando quando può la voce.

Domenico Pozzovivo da Montalbano Jonico, ritto ed asciutto come le argille della sua terra quando vola sulle due ruote per affermare la sua leadership e dimostrare che la piccola Basilicata anche nel ciclismo non è più una Cenerentola.

Share Button