Infrastrutture viarie, lettera aperta di tre associazioni: l’assessore Merra trascura il materano

Il giorno dopo la conferenza stampa dell’assessore alle infrastrutture regionali della Basilicata, tre associazioni del materano (Strada Statale 7 Matera – Ferrandina, Vittime Strada Statale 407 Basentana e Infrastrutture per Matera) indirizzano una lettera aperta a Donatella Merra lamentando l’assenza di qualsiasi cenno all’annosa questione del raddoppio della SS 7 Matera-Ferrandina “anche se è in itinere un progetto quasi esecutivo, che va dal Bypass tangenziale di Matera, con il raddoppio della strada statale 7 Matera-Ferrandina fino al bivio per Metaponto, strada ex SS 380 tre confini , con copertura effettiva ed integrale di 68 milioni di euro, con fondi Mit, Anas ed FSC europei.

Le associazioni del materano si dicono “basite” per la disparità di trattamento con la provincia di Potenza “citata ormai con cadenza quasi mensile dallo sblocco dei lavori e del prosieguo dei cantieri a partire dalla SS 658 Potenza – Melfi alla Strada Provinciale Galdo Pollino oltre a viadotti a Barile da mettere in sicurezza”.

L’assessore – spiegano le tre associazioni – non menziona la “SS 7 Matera – Ferrandina”, come se la provincia materana non esistesse e non rientrasse nei piani strategici e programmatici della Regione Basilicata, (invece menzionata più volte con schede di progetto nella relazione programmatica infrastrutturale del 2015 della Regione Basilicata, nonche’ nel piano nazionale, come da scheda Anas, visibile negli atti di trasparenza istituzionale Anas 2014-2020).

L’assessore Merra – ricordano – dovrebbe fare gli interessi e rispondere alle istanze di tutta la Lucania ed affrontare a livello programmatico la situazione infrastrutturale nel suo insieme, stradale ferroviario ed intermodale, anche considerando che se la “Potenza – Melfi” registra circa 9 mila passaggi giornalieri la “Matera – Ferrandina” ne ha ben più di 13mila e sono in costante ascesa per flusso veicolare, anche in vista dell’istituzione delle nuove Zes, e flusso turistico ed utenti dei comuni limitrofi.

Nella comunicazione inviate dalle tre associazioni del materano sono citate anche le “disastrose condizioni di assi viari provinciali ormai ridotti a veri tratturi, del ritardo del collaudo – da 3 anni – del ponte che collega Craco Peschiera a Pozzitello di Pisticci, ed altre situazioni critiche come la Cavonica che porta a San Mauro Forte, ed altre strade secondarie.

Infine la richiesta all’assessore alle infrastrutture regionale è quella di intervenire in maniera strutturale anche nella prossima gara d’appalto del Trasporto Pubblico Locale in scadenza il 31 Marzo 2020, sulle 10 navette Matera – Bari Palese, e le navette per la FS Ferrandina. Occasione propizia per rispondere a queste istanze – concludono – puo’ essere certamente la conferenza stampa prevista mercoledì 15 gennaio a Potenza nel corso della quale il presidente Bardi e l’intera giunta faranno un punto sull’attività svolta nel 2019 ed illustreranno i programmi di attività per il 2020.