Nel metapontino i Carabinieri hanno sequestrato 96 tonnellate di fanghi di depurazione

Novantasei tonnellate di fanghi di depurazione sono stati sequestrati dal Noe dei Carabinieri in un impianto del Metapontino.

I fanghi non erano stati smaltiti a norma di legge. I legali rappresentanti della ditta che ha prodotto i rifiuti, “che peraltro non gestisce più l’impianto di trattamento reflui in questione”, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per aver violato le leggi ambientali. I fanghi erano “depositati in modo incontrollato all’interno di circa 86” grosse borse.

Il sequestro è avvenuto durante controlli che i Carabinieri stanno facendo negli impianti di depurazione civile e industriale, “al fine di assicurare la correttezza delle operazioni di depurazione e che le acque di scarico rispettino i limiti imposti dalla normativa di settore”.

Share Button