A Stigliano (MT) un parco d’arte unico in Basilicata

Con i piedi qui, con la testa nel mondo”, l’arte permette di essere ovunque, pur restando assolutamente immobili. Lo sa bene Stigliano, il comune lucano che da due anni con il sostegno dell’Amministrazione comunale e attraverso il progetto appARTengo è riuscito a dar vita a un nuovo attrattore pensato per trasformare il turismo migratorio in turismo stanziale.  

E, nell’ambito di un più ampio progetto di riqualificazione urbana utile a favorire anche esperienze di cittadinanza attiva, trova spazio il recupero di un nascente parco un tempo abbandonato. Un parco d’arte unico in Basilicata e nel Mezzogiorno d’Italia dove da alcuni giorni è possibile ammirare anche una scultura importante, rievocativa, unica per il paese ma anche per la Basilicata, quella realizzata dall’artista Andrea Gandini, l’ultima in ordine cronologico ma la prima in assoluto dedicata al generale dei briganti Carmine Crocco. Successivamente interverrà con opere in ferrocemento l’artista stiglianese Mario Sansone.

Piante destinate all’abbattimento perché già morte o diventate pericolose e, quindi da abbattere. Stigliano dà così valore al recupero e lo fa rafforzando quel senso di comunità che, ancora una volta, diventa dono. Perché il vero segreto è condividere.

Share Button