Regione Basilicata contro il “Decreto Genova” del Governo: no a fanghi di depurazione sui terreni

“L’aumento di 20 volte del limite degli idrocarburi presenti nei fanghi di depurazione che possono essere sparsi sui terreni agricoli”, secondo quanto previsto dal “Decreto Genova”, è “imbarazzante” e la Regione Basilicata si opporrà alla sua applicazione.

Lo ha detto l’assessore all’ambiente della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono, spiegando che “con questa norma si potranno spargere sui terreni agricoli fanghi di depurazione con una quantità di idrocarburi tali che non verrebbero accettati nemmeno in discarica, con gravi conseguenze ambientali e sulla salute dei cittadini”. Secondo Pietrantuono, avverrebbe “una sorta di contaminazione dei terreni e delle acque di falda. Questa norma contraddice totalmente tutte le posizioni a favore dell’ambiente e di una agricoltura sana e biologica e, pertanto ci opporremo con fermezza. Vogliamo continuare ad essere – ha concluso l’assessore – una regione ‘fanghifree'”.

Share Button