Differenziata. Castellaneta Marina al top tra le località pugliesi

La prima stagione estiva per Castellaneta Marina con il nuovo sistema di raccolta differenziata porta a porta è stata superata con risultati positivi, come emerge dai dati dell’Osservatorio Rifiuti della Regione Puglia

L’Osservatorio Rifiuti della regione Puglia proietta Castellaneta al top tra le località turistiche pugliesi che nel periodo estivo scontano le criticità di un sistema non funzionante con l’aumento dei rifiuti prodotti e la minore attitudine, da parte principalmente di turisti, a differenziare i rifiuti durante le vacanze.

Problematiche queste che hanno colpito parzialmente Castellaneta Marina: le incertezze registrate nel mese di giugno sono state superate sia a luglio che ad agosto, con una netta versione di tendenza. Oltre il 60% dei rifiuti differenziati durante i due mesi estivi.

Confrontando questi dati con la stagione 2017, è stata dimezzata di netto la quantità di rifiuti smaltivi in discarica e aumentato il numero dei rifiuti differenziati in frazioni, in modo particolare di quella organica. Soddisfazione arriva anche dal primo cittadino Giovanni Gugliotti che in una nota conferma di aver superato il 60% di differenziata e obiettivo per questo 2018 è arrivare al 65%. Un traguardo non da poco, considerando che la differenziata è partita sostanzialmente da un anno, su un territorio comunale tra i più vasti d’Italia e con due centri abitati, di cui uno, quello di Castellaneta Marina, ospita decine di migliaia di turisti in pochi mesi.

Un orgoglio per Castellaneta e per l’intera comunità, che ha dimostrato di affrontare con una gestione integrata il tema dell’ambiente, come certificato dal prestigioso riconoscimento ambientale della Bandiera Blu, al quale quest’anno è stato affiancato il vessillo delle Spighe Verdi, rilasciato alle località italiane che promuovono lo sviluppo sostenibile del territorio, la cura dell’ambiente e la difesa del paesaggio.

Share Button