Petrolio in Basilicata: presentato “Scenario Tempa Rossa” per i campionamenti e controlli

Analisi di documenti, dati statistici, dialogo con la popolazione, 50 aree di campionamento per flora, vegetazione ed habitat, 42 stazioni di rilevamento licheni, dieci stazioni per ecosistemi forestali”: sono alcune delle “operazioni” previste dal cosiddetto “scenario Tempa Rossa”, il “progetto di baseline ambientale e socio-territoriale avviato in vista delle estrazioni dell’avvio del nuovo centro oli della Total, presentato a Guardia Perticara dall’assessore all’ambiente della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono. Il progetto prevede anche “242 punti di campionamento e 722 rilievi zoologici, 50 aree di campionamento per produzioni agricole e zootecniche e centraline mobili per rilevamento qualità dell’aria”. sono alcune delle operazioni previste da “Scenario Tempa Rossa”. I comuni lucani compresi nell’area del giacimento “Tempa Rossa” sono 13: Gorgoglione, Corleto Perticara, Guardia Perticara, Anzi, Laurenzana, Castelmezzano, Cirigliano, Pietrapertosa, Stigliano, Accettura, Armento, Missanello, Aliano. Il progetto di controllo dell’ambiente è stato “promosso da Regione Basilicata, finanziato da Total ed affidato ad un team di ricercatori e tecnici altamente qualificati, prevede la raccolta e l’analisi di dati ambientali, sociali ed economici relativi all’area della concessione mineraria prima dell’inizio delle estrazioni, informando costantemente cittadini, istituzioni locali, imprenditori e forze sociali che operano in tale area e ponendosi come punto di riferimento verso i monitoraggi previsti in fase di estrazione”

Share Button