Denuncia del M5s per la discarica di Palombara a Senise (PZ), intervento immediato del Sindaco

Desta grande preoccupazione per la cittadinanza lo stato di abbandono e di mancato controllo e sicurezza della discarica di località Palombara di Senise che si trova a 900 metri dalla diga di Monte Cotugno. La discarica chiusa nel 2004, fu posta sotto sequestro nel 2009 a seguito di un controllo del Comando Stazione Forestale di Senise che aveva verificato come alla foce e lungo il corso d’acqua Fosso Palombara era in corso uno stato di inquinamento delle falde acquifere provocato dal percolato prodotto dalla discarica dismessa.

Già dal 2006 si iniziava a parlare di bonifica del sito, ma i lavori di messa in sicurezza da parte del Comune di Senise iniziarono diversi anni fa ma non vennero mai portati a termine per mancanza di fondi.

Dopo un sopralluogo effettuato nei giorni scorsi dai portavoce comunali e dagli attivisti del M5S di Senise Giuseppe Arleo e Giovanna Di Sanzo, è emerso che a valle della vasca di raccolta del percolato proveniente dalla discarica si stanno continuando a verificare perdite di liquido scuro, probabilmente percolante altamente inquinante, che potrebbe aver già raggiunto o potrebbe raggiungere la diga di Monte Cotugno.

Se ciò avvenisse ci potrebbero essere contaminazioni pericolose e danni incalcolabili all’acqua del bacino idrico che fornisce acqua per uso domestico e irriguo nel Metapontino e in varie aree della Calabria e della Puglia.

Pronto l’intervento dell’Europarlamentare pentastellato Piernicola Pedicini: “Dovrebbero essere effettuate un intervento di messa in sicurezza per ripristinare la recinzione intorno alla vasca che è divelta in alcuni punti e potrebbe consentire il pericoloso passaggio di persone e animali. Inoltre, considerato che nei prossimi giorni potrebbe piovere, la vasca andrebbe svuotata immediatamente per evitare che il percolato fuoriesca ulteriormente sul terreno circostante e possa essere utilizzato come abbeveraggio per gli animali selvatici e d’allevamento che si spingono al pascolo in quell’area”.Già il 23 marzo scorso, la Regione Basilicata ha stanziato 600 mila euro per la bonifica della discarica di Palombara e altri fondi per la bonifica di altre 12 discariche pericolose presenti in Basilicata. Ma per gli attivisti 5 stelle sarebbe già troppo tardi.Intanto la sindaca di Senise ha raccolto le criticità evidenziate ha dichiarato: “Ci sono €30000 nel bilancio comunale per il ritiro del percolato; l’ultimo prelievo risulta sia stato fatto il 16 aprile scorso. Ma solleciteremo la ditta e andrà di nuovo quest’oggi. Nel contempo abbiamo dato incarico a un team di tecnici per stirare il progetto di messa in sicurezza generale”.

Share Button