Rifiuti, a Taranto è in atto un'”invasione di impianti inquinanti”: anche il sindaco Quarto pronto a ricorrere al Tar

Ricorreremo al Tar se la Provincia non farà un passo indietro sull’autorizzazione al raddoppio dell’inceneritore di Massafra. Il sindaco Fabrizio Quarto invita il presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano, a ritirare in autotela il parere favorevole di compatibilità ambientale e l’Aia per l’impianto di incenerimento e per l’ampliamento della centrale termoelettrica. Autorizzazioni date nonostante il Comune fosse contrario ed Arpa e Regione avessero chiesto approfondimenti.

Chiediamo un consiglio provinciale monotematico sul tema ambientale – aggiunge Quarto – e lo stesso chiederemo alla Regione. Vogliamo comprendere chi è contro questa invasione di impianti inquinanti e impattanti”.

Una pioggia di autorizzazioni ha investito la provincia di Taranto. Ricorrerà al Tar anche il Comune di Grottaglie contro l’innalzamento del terzo lotto della discarica La Torre Caprarica. Manifestazioni in questi giorni a Lizzano per la riapertura della Vergine. All’Italcave di Statte sarebbe stato autorizzato il conferimento di altri 4,5 milioni di metri cubi di rifiuti. Si associa ai sindaci, alle associazioni ambientaliste, il consigliere Mino Borracino: “assurdo il silenzio di Emiliano nonostante le sollecitazioni”. Al governatore, la richiesta di “avocare a se’ la gestione dei rifiuti” non dimenticando che “la situazione sanitaria tarantina, gravata dall’inquinamento, è oggetto di discussione nazionale”.

Share Button