Gamberetti spiaggiati a Metaponto(MT), l’Arpab non rileva sostanze inquinanti

Tutto nella norma, forse solo un fenomeno naturale.

E’ l’Agenzia regionale per la protezione Ambientale di Basilicata a rassicurare i tanti cittadini che anche tramite il web avevano manifestato preoccupazione per lo spiaggiamento di una grandissima quantità di gamberetti sulle coste della cittadina di Metaponto, avvenuto lo scorso 10 febbraio.La mattina successiva, dopo la diffusione della notizia e delle relative immagini, il personale Arpab del Dipartimento Provinciale di Matera in servizio di pronta disponibilità ha effettuato il sopralluogo per analizzare la comparsa di formazioni di “minicrostacei” sul litorale marino.Dal sopralluogo, si legge in una nota emessa dall’ente regionale, avvenuto tra le ore 12.40 e 13.55, non è risultata la presenza di alcuna formazione di organismi marini sul litorale stesso. Inoltre, nell’intervallo di tempo indicato, la superficie del mare è risultata priva di schiuma e di film oleosi.A chiedere l’intervento dell’Arpab era stato anche Nicola Mastromarino, presidente dell’associazione di operatori turistici di Metaponto,nonchè del Gruppo di azione costiera. “ Può essere accaduto – scrisse così Matromarino su Facebook all’indomani dello spiaggiamento- che abbagliati dal sole, i Krill,si siano disorientati lasciandosi trascinare dalle forti mareggiate di questi giorni. Ci sono molti precedenti di questo genere, lo confermerebbe il tratto relativamente circoscritto di spiaggia interessata, e il fatto che solo questa specie è stata coinvolta, senza che altre specie marittime siano state coinvolte. “Noi viviamo sul mare – rimarca Mastromarino- quindi è nostro interesse primario capire quale sia la causa di questo fenomeno, ma occorre anche prendere le distanze da chi, sui social, fa terrorismo psicologico”. Dalle analisi effettuate e pubblicate quindi non è emersa alcuna situazione anomala al momento dei prelievi e del sopralluogo, né sono stati rilevati indici di inquinamento organico riconducibile a fonti di natura antropica”.

Share Button