Bari. Il quarto convegno nazionale di Scuola di Ingegneria e Architettura

Tema di questa edizione “Sicurezza e vulnerabilità strutturale degli edifici esistenti”

Oltre 150 mila sono gli edifici a rischio crollo in Puglia. A fotografare questo dato, è l’Istat che evidenzia una problematica presente nella regione. Ciò che si può fare e quali sono i fondi a disposizone tra i temi discussi in occasione del convegno “Sicurezza e vulnerabilità strutturale degli edifici esistenti” organizzato a Bari. In occasione del 4° convegno nazionale di Scuola Ingegneria e Architettura è stato affrontato un tema complesso come quello delle costruzioni presenti in tutta Italia.

La prevenzione e le diagnosi degli aspetti di sicurezza e vulnerabilità di ciascun edificio costituisce un obbligo morale ancor prima che tecnico e politico. Presente al convegno anche l’assessore all ‘Urbanistica della Regione Puglia Anna Maria Curcuruto.

I crolli coinvolgono sempre edifici particolarmente vulnerabili, incapaci di resistere all’azione del sisma e spesso persino alle ordinarie azioni gravitazionali. La leva della sensibilità dell’opinione pubblica verso il tema della sicurezza della propria casa può dare forza alla politica al momento delle sue scelte ma non deve essere utilizzata per perseguire obiettivi forvianti. È necessaria l’emanazione di norme adeguate e specifiche e la formazione e selezione di tecnici specialistici che la debbono applicare.

Share Button