Ilva. Emiliano: “accolgo appello del vescovo di Taranto, pronto a sedermi al tavolo col Governo”

“Ho letto con grande interesse e condivisione l’intervista al vescovo di Taranto che invita la Regione Puglia ed il governo a sedersi immediatamente al tavolo e do la mia immediata disponibilità”.

Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, parlando oggi a Bari con i giornalisti della vicenda Ilva e dell’appello sul “riannodare il dialogo tra le istituzioni” avanzato dal vescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro.

“Quando ci si deve sedere per parlare e per trovare una via di uscita non si pongono condizioni. Questa – ha sottolineato Emiliano – è una regola fondamentale. D’altra parte senza l’impugnativa fatta sarebbe stato difficilissimo – secondo Emiliano – convincere il governo e l’azienda a ragionare con la Regione Puglia e il Comune di Taranto del piano ambientale ed industriale dell’Ilva”.

“Ovviamente non è nostra intenzione porre pregiudiziali e persino la decarbonizzazione, una cosa intelligente, non lo è. Smettiamo quindi – ha aggiunto Emiliano – di dire agli altri cosa devono fare ed a paventare mali gravissimi” .

“Riuniamo immediatamente il tavolo per Taranto e cominciamo a trattare. Il piano industriale ed ambientale sono per certi versi illegittimi e per altri gravemente deficitari, ma si possono – a giudizio di Emiliano – tranquillamente aggiustare senza fare troppi drammi o ricatti reciproci. La disponibilità ad accogliere l’appello del vescovo è da parte nostra – ha concluso Emiliano – totale ed immediata”.

Share Button