Ilva. Emiliano ai pugliesi: le intimidazioni non avranno alcuna influenza sulla nostre decisioni

“Rassicuro i miei cittadini che le intimidazioni non avranno alcuna influenza sulla nostre decisioni”. Lo dice sul caso Ilva il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che, sulla propria pagina Facebook, annuncia: “andremo avanti senza paura, per chiedere la decarbonizzazione dell’Ilva in coerenza con gli obblighi internazionali dell’Italia stipulati a Parigi e per tutelare la salute dei lavoratori e dei cittadini” e “per evitare che Taranto debba morire per lavorare”.

Da quando rivolgersi ad un giudice per chiedere la tutela della salute dei propri cittadini minacciata da un atto che…

Pubblicato da Michele Emiliano su Giovedì 30 novembre 2017

Nel post pubblicato su Fb il governatore pugliese pone una serie di quesiti sulle reazioni suscitate dal ricorso presentato al Tar dalla Regione contro il Dpcm sull’Ilva. “Da quando – scrive – rivolgersi ad un giudice per chiedere la tutela della salute dei propri cittadini minacciata da un atto che non prende in considerazione le osservazioni di una Regione è un atto irresponsabile? Da quando – osserva Emiliano – il possibile accoglimento di una domanda da parte di un giudice viene considerata in sé una disgrazia che dovrebbe sconvolgere l’economia, il diritto dei lavoratori o dissuadere l’acquirente di uno stabilimento? Da quando – rileva Emiliano – è consentito ad un Governo di intimidire sindaci e presidenti di Regione per costringerli a ritirare un ricorso presentato ad un giudice?”. “Rassicuro i miei cittadini – chiosa il presidente della Regione Puglia – che queste intimidazioni non avranno alcuna influenza sulla nostre decisioni”.

Share Button