Eni in Basilicata conferma esiti dei sondaggi: niente idrocarburi a valle dell’area industriale di Viggiano

“Eni ha inviato il 6 marzo scorso a tutte le Autorità ed Enti competenti il Piano di Caratterizzazione del Centro Olio Val d’Agri, in linea con quanto previsto dalla normativa vigente. Tale Piano identifica l’insieme delle attività di analisi ed accertamento in carico a Eni necessarie per la definizione delle decisioni realizzabili e sostenibili per il completamento della messa in sicurezza e la successiva bonifica dell’area”.

A scriverlo in una nota è l’ufficio stampa della compagnia, Eni sottolinea la prosecuzione degli interventi “relativi alla messa in sicurezza delle aree coinvolte, con complessivamente 99 sondaggi effettuati” e conferma la “presenza di idrocarburi all’esterno del COVA” che “rimane circoscritta nei pressi dei 2 pozzetti come confermato dai carotaggi realizzati”.

In relazione poi allo svolgimento delle indagini avviate dalla Procura di Potenza circa la presenza di idrocarburi riscontrata il 3 febbraio scorso Eni informa che “il 6 marzo scorso il Nucleo Operativo Ecologico Carabinieri di Potenza insieme all’Autorità Giudiziaria e al consulente tecnico nominato dalla Procura”, hanno eseguito un’ispezione presso il Centro Olio Val d’Agri e presso le aree limitrofe”.

“Eni” è scritto in conclusione della nota stampa “confidando nella correttezza del proprio operato, ha assicurato la massima collaborazione alla Procura della Repubblica e agli altri organi di polizia giudiziaria e attende con assoluta serenità gli esiti delle indagini in corso di svolgimento”.

Share Button