Rifiuti. Basilicata: nel 2015 raccolta differenziata al 33%

Incrementare la raccolta differenziata, in fase di stallo nel 2015 e previsione di ripresa nel 2016. E’ questo l’obiettivo della Regione Basilicata, attraverso i dati comunicati dall’Egrib, nuovo Ente di governo per i rifiuti e le risorse idriche, attivo dallo scorso gennaio ed operativo dall’estate, diretto a minimizzare il conferimento dell’umido in discarica e sul recupero energetico.
I numeri sono stati presentati in conferenza stampa e analizzati dal Dipartimento Ambiente: nel 2015, registrata una produzione complessiva di rifiuti solidi urbani pari a circa 200 mila tonnellate, in leggero calo rispetto all’anno precedente, con una percentuale media di raccolta differenziata pari a circa il 33% contro una media nel 2014 di circa il 28% e ben lontano dal 65% stabilito per legge. Secondo il prospetto, sono state raccolte separatamente circa 19 mila tonnellate di frazione organica, 10.500 nel potentino e 8.500 nel materano.
Nonostante i dati positivi complessivi sul territorio, sotto la lente d’ingrandimento vi sono i due centri maggiori: Potenza, dove sta prendendo corpo il nuovo sistema di raccolta differenziata, e Matera, pienamente coinvolto dai flussi turistici e per questo con aumento della produzione di rifiuti pro capite al giorno di 1,35 kg rispetto a 1,10 dell’altro capoluogo.
Per il futuro: incidere sull’ecotassa, già attiva da pochi mesi, impiantistica con dettame tecnico della Regione e prevenire sulla produzione del rifiuto come ad esempio il caso delle eccedenze alimentari.

Share Button