Riaprono i CRAS della Provincia di Matera

CRAS - Ph. Fabio QuintoMatera – Possono riprendere, in provincia di Matera, le attività del Centro recupero animali selvatici presso la riserva di San Giuliano e presso la riserva di Policoro, che erano state sospese a gennaio scorso a seguito dei limiti imposti dalla Legge sul riordino delle funzioni delle Province. Lo ha deciso l’Ufficio tutela della Regione Basilicata, che lo ha comunicato ai responsabili delle due strutture. La ripresa delle attività, fino alla fine del 2016, consentirà nel frattempo di attivare un tavolo interistituzionale e con le parti per trovare una forma di continuità gestionale: “La ripresa delle attività – ha detto il responsabile del Cras di Matera, Matteo Visceglia – mette fine a una situazione di disagio durata oltre sette mesi, costringendo a rivolgerci a strutture di altre province e di fuori regione per la cura degli animali feriti”. “Centinaia di chiamate di soccorso per innumerevoli falchi grillai rinvenuti in difficoltà nel centro urbano di Matera e nell’area Parco della Murgia Materana sono pervenute al CRAS – ha aggiunto Visceglia – ma a causa della situazione di blocco delle attività non abbiamo potuto ospitarli e curarli, in quanto non autorizzati, ma ne abbiamo consigliato però la consegna presso altri CRAS come quello di Pignola , nel potentino, o quello del Parco di Gallipoli Cognato nel comune di Accettura, nel materano;. In alcuni casi è stato necessario chiedere la collaborazione della LIPU di Gravina-Altamura per il trasporto presso il Centro Recupero della Regione Puglia, in provincia di Bari”. Nel 2015, ha ricordato infine, sono stati affidati al Cras materano 321 esemplari, il 70 per cento dei quali nuovamente restituiti alla natura.

Share Button