Referendum. Il Vescovo di Taranto invita a votare “Sì”

“Gli equilibri dell’ecosistema dei mari, Ionio e Adriatico, sono estremamente fragili, e sono prospicienti territori che con fatica tentano di porre riparo ai danni che sono derivati da una discutibile e unilaterale gestione delle risorse. Le ferite della nostra terra sono già molte e non devono aumentare”.

Mons. Filippo Santoro, presidente della Commissione Episcopale della Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia, la pace e la custodia del Creato

Mons. Filippo Santoro, presidente della Commissione Episcopale della Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia, la pace e la custodia del Creato

Sono alcune delle ragioni che hanno spinto l’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro, presidente della Commissione Episcopale della Cei per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia, la pace e la custodia del Creato, a prendere posizione sul referendum del 17 aprile che riguarda le trivellazioni e ad esprimere “in termini personali, ragionevole fondamento al Sì”.

Il presule evidenzia l’importanza di dibattere la tematica “nelle comunità per favorirne una soluzione appropriata alla luce dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco”.

Le piattaforme petrolifere “al largo delle coste dell’Adriatico e dello Ionio – aggiunge Santoro – sono un’ulteriore aggressione a una realtà già fragile e vanno a intaccare la vocazione legata al mare, al turismo, alla pesca, all’agricoltura e all’artigianato di un territorio già ferito. La tecnologia non può non tenere conto delle conseguenze di un suo abuso che non contempli le possibili ripercussioni”. (ANSA)

Share Button