“Il buongiorno si vede dal mattino”, a Matera la premiazione dei vincitori

Matera, 3 giugno 2019 – Oltre quattromila bambini sono stati destinatari del progetto di educazione alimentare e sportiva “Il buongiorno si vede dal mattino”, tenutosi nelle scuole primarie di Puglia, Basilicata, di alcune città del Nord Italia e promosso dalla Di Leo Pietro Spa, realtà con origini nel 1663 ad Altamura e oggi impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti da forno nello stabilimento di Matera.

Nella città di Matera il progetto, giunto alla IX edizione, ha interessato circa millecinquecento bambini di quattro istituti comprensivi (‘Padre Giovanni Semeria’, ‘Giovanni Pascoli’, ‘Fermi’ e ‘Torracca’) dei diversi quartieri cittadini.

Domani pomeriggio alle 16.30, nell’Aula Magna dell’istituto comprensivo ‘Padre Giovanni Semeria’ (Piazza Semeria) alla presenza dei dirigenti scolastici, docenti, bambini e genitori dei quattro istituti coinvolti, si terrà la premiazione dei bambini che hanno partecipato al concorso grafico abbinato al progetto.

Prenderanno parte alla premiazione anche il Cavaliere del Lavoro Pietro Di Leo, amministratore unico della Di Leo Pietro Spa, Mariateresa Cascino, coordinatrice area marketing e Marika Montemurroufficio scuole e patrimonio della Fondazione Matera Basilicata 2019.

Partito dallaPuglia e dalla Basilicata, “Il buongiorno si vede dal mattino” ha raggiunto, quest’anno, anche alcuni istituti a Trento e Parma. Una nutrizionista ha insegnato ai più piccoli i principi di una sana alimentazione, a partire da una corretta colazione, abbinata all’attività fisica; attraverso il racconto di una favola, supportata da slide creative e divertenti, ha coinvolto gli alunni rendendoli partecipi e non semplici spettatori.  Per invogliare i più piccoli alla pratica sportiva hanno partecipato all’iniziativa anche dei campioni a livello nazionale nelle diverse discipline.

L’attenzione di Di Leo al mondo delle scuole si manifesta anche nell’ambito del ricco programma di ‘Matera 2019’ all’interno del quale l’azienda lucana è protagonista in qualità di ‘School partner’; tra le iniziative il progetto ‘Patrimonio in gioco’, che ha coinvolto 60 classi primarie e secondarie di primo grado della Basilicata nella scoperta, in un’ottica nuova, del concetto di ‘patrimonio’. Le classi delle scuole primarie hanno seguito un percorso su temi legati al territorio, come il paesaggio o le donne che hanno fatto la storia dei luoghi, mentre le classi delle scuole secondarie hanno riprodotto con una stampante 3D oggetti identificativi e desueti del proprio territorio che sono stati reimmaginati.

Share Button