“L’insostenibilità degli sprechi alimentari” all’Istituto oncologico di Bari

Far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda globale per lo sviluppo sostenibile, questo l’obiettivo del convegno organizzato e promosso dall’Asvis, all’Istituto Oncologico “Giovanni Paolo II” di Bari.

Il documento, approvato dalle Nazioni Unite, impegna l’Italia a perseguire traguardi ambiziosi per il raggiungimento, entro il 2030, dei 17 obiettivi: dall’eliminazione della povertà alla crescita economica e alla buona salute.

Dal rapporto Ocse emerge che il 10% dei pazienti dei Paesi Ocse subisce un danno durante o a seguito dei trattamenti sanitari, mentre più del 10% della spesa ospedaliera è impiegata per porre rimedio alle infezioni contratte in ospedale; ed ancora, un bambino su tre nasce per parto cesareo e la diffusione dei farmaci equivalenti varia tra il 10% e l’80% rispetto alla spesa farmaceutica dei diversi Paesi. Alla luce di questi dati, il documento dell’ONU è ricco di esempi e di linee guida utili per ridurre gli sprechi in ambito sanitario.

Share Button