Disturbi alimentari. CRPO Basilicata promuove giornata del Fiocchetto Lilla 2017

Un fiocchetto lilla, quale simbolo di lotta contro una malattia definita silente e che soprattutto tra i giovani miete vittime spesso incapaci di gestirla. Parliamo dei disturbi alimentari, celebrato con una giornata in tutt’Italia ed al centro di un momento di riflessione promosso dalla presidente della Commissione Pari Opportunità lucana, Angela Blasi, in collaborazione con l’ordine dei tecnologi alimentari di Basilicata. L’iniziativa nazionale ha preso vita nel marzo 2011, quando Stefano Tavilla ha visto morire la propria figlia Giulia di bulimia. Aveva appena 17 anni. Da allora, grazie all’associazione “Mi Nutro di Vita”, quel fiocchetto lilla è stato delicato alla fragilità di questa condizione e alla battaglia portata avanti per debellarlo dalla società.

Proprio a Chiaromonte, nel potentino – è emerso – il 40% dell’utenza proviene da fuori regione. Anoressia e bulimia, in particolare, vengono affrontate iniziando dal disagio emotivo: un trattamento che guarda sia al problema alimentare in sé che alla sua natura psichica.

Tra gli intervenuti ai lavori, il consigliere regionale, Gianni Rosa, la presidente dei tecnologi alimentari di Basilicata e Calabria, Laura Mongiello, il tecnologo alimentare e nutrizionista, Dario Vista, e l’assessore regionale alle Politiche della Persona, Flavia Franconi.

Share Button