Sanita’, voce ai cittadini sull’efficienza col monitoraggio online

ASL sotto esame. La commissione: direttamente i cittadini. Parte oggi il “Monitoraggio dei Servizi sul Territorio – Fuori dall’Ospedale e dentro le mura domestiche” promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato. In Puglia le verifiche sono sulle Asl di Taranto e di Lecce.

Le troppe denunce hanno dato vita al progetto che vede protagonisti centinaia di cittadini, associazioni di pazienti, professionisti, istituzioni e guarda a tutto ciò che c’è fuori dall’ospedale fin dentro le mura domestiche. Ci sono poi le sigle eccessive a complicare la vita dei pazienti. La nomenclatura cambia in ogni Regione, è vasta e poco comprensibile. Esistono 13 sigle da conoscere e interpretare: dalle CdS (Case della Salute), ai PTA (Presidi Territoriali di Assistenza Primaria); dalle UTAP (Unità Territoriali di Assistenza Primaria) a NCP (Nuclei di Cure Primarie); dalle UCCP alle AFT. Altro che semplificazione e riorganizzazione, insomma. Nonostante il 51 per cento dei fondi investiti dal Fondo Sanitario Nazionale.

Il monitoraggio servirà dunque a mappare l’offerta dei servizi territoriali, a fotografarne il funzionamento, il livello di offerta sui territori regionali e locali rispetto alle indicazioni nazionali, raccogliere l’esperienza dei cittadini che usufruiscono delle cure, stimolare una riflessione comune sui bisogni di salute dei pazienti. I cittadini, ma anche gli addetti ai lavori (direttori generali e responsabili di distretto) potranno esprimersi attraverso un questionario on line, da compilare entro l otto marzo. I dati saranno presentati a luglio.

Share Button