- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

Taglio guardia medica: 118 e Pronto Soccorso rischiano il collasso

guardia-medica(Nicole Cascione) La chiusura della guardia medica rischia di diventare un grave problema soprattutto per gli operatori del 118, oberati di lavoro, durante le ore notturne e nei giorni prefestivi e festivi. Ne è sempre più convinto Ludovico Abbaticchio, presidente regionale e consigliere nazionale del Sindacato medici italiani, che condanna il progetto della Sisac, la struttura italiana adibita alla trattativa nazionale per la medicina convenzionata del territorio, denominato “h16”.

Al momento, la Sisac sta avviando accordi con i medici di famiglia, nonostante le sigle sindacali non abbiano espresso parere favorevole. Ma cosa cambierà con l’eventuale taglio della guardia medica? Fino a mezzanotte, saranno i medici di famiglia ad occuparsi dell’assistenza e delle emergenze, dopo invece sarà il 118. Il cittadino più fragile e malato cronico sarà quindi obbligato a rivolgersi al 118 o al Pronto Soccorso, andando a creare un insostenibile carico di lavoro per queste strutture, già gravemente e notoriamente in affanno per i tagli alla sanità.

All’interno di questo enorme calderone, a farne le spese saranno anche i bambini, poiché la riduzione assistenziale rivolta ai bambini sarà notevolmente ridotta, così come quella agli anziani. Se il disegno di governo e Regioni sarà approvato, quindi, i cittadini dovranno dire addio all’ennesimo servizio pubblico.

Share Button