Illustrati dall’assessore Flavia Franconi i costi della sanità lucana nel bilancio 2014

Quarta commissione Bradascio FranconiPOTENZA – Per il funzionamento del servizio sanitario regionale nella manovra finanziaria per il 2014 si prevede uno stanziamento complessivo di circa un miliardo di euro. La stima, sulla quale si è soffermata l’assessore regionale alla Salute Flavia Franconi illustrando ieri pomeriggio in quarta Commissione le previsioni di spesa del bilancio sanitario, è suscettibile di qualche variazione perché ad oggi non è stata ancora definita l’intesa per la ripartizione del Fondo sanitario nazionale, dal quale dipendono in massima parte i finanziamenti regionali per la tutela della salute.

Franconi, insieme al dirigente generale della Presidenza della Giunta, Vito Marsico, e al dirigente dell’ufficio risorse finanziarie ed investimenti del sistema salute, Stefano Lorusso, ha risposto alle domande dei consiglieri su diversi aspetti del bilancio regionale della sanità pubblica, spiegando innanzitutto che i conti del 2013 dovrebbero chiudersi in sostanziale pareggio (le stime prudenziali del quarto trimestre parlano di un disavanzo di 3,4 milioni di euro) nonostante il taglio di 10 milioni del fondo sanitario regionale. In tema di mobilità sanitaria, la Regione ha stimato il fabbisogno prevedendo per il 2014 un saldo passivo di circa 30 milioni.

Ammontano inoltre a circa 57 milioni le perdite delle aziende sanitarie da ripianare per il periodo dal 2001 al 2011, che la Regione, a seguito di una modifica della normativa nazionale intervenuta nel 2011, è tenuta a coprire. Di questa cifra, sulla base di quanto stabilito dal “tavolo” di verifica nazionale, circa 20 milioni saranno coperti in 25 anni, mentre 37 milioni in 5 anni: la quota per il 2014 ammonta a 7,8 milioni di euro. Ci sono poi le gestioni commissariali delle vecchie Asl, che potrebbero determinare altre spese, riguardo alle quali la Regione ha già disposto una verifica dei contenziosi in essere, stanziando in bilancio la somma di circa 2 milioni di euro per il 2014.

Fra le allocazioni del bilancio sociale, nel triennio 2014/2016 si prevede un incremento del fondo regionale per la non autosufficienza di circa 500 mila euro. Altri stanziamenti riguarderanno le politiche sociali e la famiglia, ed in particolare: per la disabilità (3,6 milioni di euro), per i pazienti nefropatici e talassemici (2,3 milioni di euro), per il programma Copes (4,5 milioni di euro per azioni di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale), per i servizi sociosanitari (20 milioni di euro per i piani sociali di zona) per le cooperative sociali (1 milione di euro).

Previsti, attraverso un emendamento annunciato dalla Giunta, anche ulteriori interventi di spending review (in particolare per il contenimento del rimborso chilometrico delle missioni), ed ulteriori interventi, da finanziare con i fondi strutturali, per ridurre i costi energetici degli edifici di Asl e ospedali, per i quali si stima una significativa riduzione dei costi di gestione.

Alla riunione hanno partecipato, oltre al presidente della Commissione Luigi Bradascio (Pp), i consiglieri Roberto Cifarelli, Achille Spada, Carmine Miranda Castelgrande (Pd), Aurelio Pace (Gm), Gianni Leggieri (M5s), Giannino Romaniello (Sel), Gianni Rosa (Lb-Fdi), Michele Napoli (Pdl-Fi), Francesco Pietrantuono (Psi) e Francesco Mollica (Udc).

Share Button