Glaucoma, questo insidioso nemico dell’occhio

MATERA – I numeri parlano chiaro. In Italia cinquemila persone ogni anno perdono la vista a causa del glaucoma. Oltre 600mila ne soffrono e ogni anno si registrano 20mila nuovi casi. Le stime, in proiezione, non sono confortanti: entro il 2030, vi sarà un aumento di oltre il 30percento dei casi. Il glaucoma è un killer silenzioso, una patologia lenta ma progressiva, accompagnata da un aumento della pressione intraoculare. Se non tempestivamente individuata e diagnosticata, non lascia scampo. Non è mai troppo presto per intervenire e la prevenzione è prioritaria. Esattamente le linee guida sostenute dalla campagna a tappeto promossa dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità, in occasione della settimana mondiale contro il glaucoma. Coinvolte settanta città italiane, compresa Matera, dove le iniziative di sensibilizzazione sono andate di pari passo con l’attività screening. Le immagini del video riportato nella pagina, infatti, si riferiscono alle visite di controllo, effettuate, questa mattina, in Piazza Vittorio Veneto, all’interno dell’Unità Mobile Oftalmica, dal dottor Luciano Di Palma. Intercettare la malattia nelle sue fasi iniziali è fondamentale, anche per il suo impatto socio-economico. Una visita annuale, in condizioni normali, dopo i 45anni, appare una scelta prudente e saggia. Il glaucoma, ricorda il dottor Di Palma, è la seconda causa di cecità al mondo. Fra i fattori di rischio, sottolinea, la familiarità occupa un posto di rilevante importanza, a riprova della natura ereditaria della malattia. Il danno visivo dovuto a questa grave patologia oculare non è reversibile: tuttavia un trattamento adeguato può prevenire l’ulteriore perdita della vista. La terapia è basata su farmaci topici, come i colliri, e sull’intervento chirurgico.

 

Share Button