Acqua lucana: per “Il salvagente” è ottima

La copertina del periodico

L’acqua che esce dai rubinetti della Basilicata è “mediominerale, adatta ai neonati, poverissima di sodio e con presenza di arsenico prossima allo zero”. E’ quanto emerge da un articolo pubblicato dal settimanale “Il salvagente” e ripreso dall’Ansa. Il periodico ha analizzato l’acqua in 112 Comuni italiani: in cinque città non è potabile – il giudizio “scarso” è stato attribuito a Mantova, Piacenza, Viterbo, Marsala e Olbia-Tempio – ma i due capoluoghi di provincia lucani hanno ottenuto un “ottimo”. In entrambi i casi di tratta di acqua “mediominerale, poverissima di sodio, con concentrazione di arsenico prossima allo zero”. I nitrati sono 0,8 milligrammi per litro a Potenza e 1,7 a Matera, la presenza di alluminio è “scarsa” nel primo centro, e pari a 85,5 microgrammi per litro nel secondo, ma comunque ben al di sotto dei limiti consentiti dalla legge, ovvero 200 microgrammi per litro secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Share Button