Lecce, non reggono la scomparsa del figlio: muoiono a pochi giorni di distanza

Per anni hanno sostenuto il figlio nella lunga lotta contro un male incurabile, fino al suo ultimo giorno. Quando è scomparso, i genitori di Angelo Gioffreda non hanno retto al colpo e sono morti a pochi giorni di distanza. “Non piangete sarò l’angelo invisibile della famiglia”, si leggeva sul manifesto funebre di Angelo, morto a 50 anni. Un dramma familiare che ha sconvolto tutta la comunità di Nardò, nel Leccese.

Dodici giorni dopo i funerali di Angelo, celebrati il 29 gennaio, il padre, di 76 anni, si è lasciato andare, morendo all’alba nel suo letto. Come riporta La Gazzetta del Mezzogiorno, era un uomo forte, temprato dalle avversità e dalla fatica. In paese si dice sia morto di dispiacere.

L’11 febbraio si sono svolte le esequie dell’uomo, Paolo Antonio Gioffreda. Alle 9:45 del giorno successivo è deceduta anche la mamma di Angelo. Immacolata Tondo, di 75 anni, stava poco bene, ma nessuno si aspettava che la sua situazione precipitasse così in fretta. E così, in meno di due settimane, entrambi i genitori si sono ricongiunti al figlio.