Bari, manifesti contro consigliere Pd Puglia. Amati: “Ho denunciato alla polizia”

“Eni + Fabiano è peggio di Eni. Liberiamo la politica dai galoppini delle lobbies”. Decine di manifesti sono stati affissi a Bari, vicino all’Ateneo, contro il consigliere regionale pugliese del Pd, Fabiano Amati, che ha denunciato la vicenda alla polizia. In fondo al manifesto, accanto al logo di Facebook, si legge quella che potrebbe essere la firma dei responsabili dell’affissione: ‘Collettivo Guevara’. Amati, presidente della Commissione Bilancio nel Consiglio regionale pugliese, ha sfidato il governatore uscente alle primarie del centrosinistra pugliese. “Vengo accusato – spiega all’ANSA il consigliere – di contiguità con non meglio specificate lobby industriali e multinazionali dei veleni. Non mi farò ovviamente intimidire e per questo ho deciso di fare una denuncia alla polizia di Stato”.

Il manifesto riproduce la foto di Amati con richiami grafici alla recente campagna pubblicitaria ‘ENI + 1’. “Purtroppo – scrive Amati in un comunicato – viviamo tempi in cui si prova a trasformare l’ecologia in ideologia, con toni esaltati ed esasperati, per il raggiungimento di finalità di lotta politica e di potere. La mia posizione rimane sempre in favore della prova scientifica e dell’ambientalismo tecnologico”.