Irccs Crob, dal 2 dicembre riapre l’ambulatorio di urologia

Recuperare le attività ambulatoriali rimaste in sospeso per carenza di medici al Crob. Si riparte da qui, dal 2 dicembre. Dal richiamare i pazienti in attesa, iscritti in un elenco, e che aspettavano ormai da tempo di poter ricevere le prestazioni dell’istituto. Saranno contattati per la compilazione, con i nuovi appuntamenti, dell’agenda del Cup.

A smuovere la situazione il reintegro del medico Ferdinando Di Giacomo, dopo la firma del contratto con la struttura, seguito all’avviso di mobilità regionale ed extra regionale indetto dall’istituto stesso. Il professionista aveva già lavorato al Crob ed ora torna dopo l’esperienza da chirurgo urologo maturata all’Asl di Napoli 1 Centro.

Auspicio del Crob è riaprire anche la chirurgia urologica, entro i primi mesi del nuovo anno. Intanto la priorità è recuperare il tempo perso – prezioso, soprattutto in caso di patologie oncologiche – con i pazienti rimasti in attesa.

A diffondere la notizia la direzione della struttura che al professionista augura “un lavoro proficuo affinché, il Centro di Riferimento Oncologico della Basilicata possa riacquistare quei livelli di eccellenza ed efficienza degni di un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico”.

Share Button