Bari, l’Università consegna la pergamena al primo rifugiato laureato

La cerimonia in Aula Magna per il 35enne eritreo dottore in Scienze Politiche

Una prima volta importante, perché apre la strada a una buona pratica che vede in prima fila l’Università di Bari. Sarà il rettore Stefano Bronzini a consegnare la pergamena di laurea al 35enne eritreo che un paio di settimane fa ha sostenuto con successo la propria tesi in Scienze Politiche. La cerimonia di consegna farà da prologo al seminario sulla “Valorizzazione dei titoli e delle competenze di migranti e rifugiati. Strumenti per l’integrazione accademica e l’inclusione lavorativa”. Insieme a Bronzini, alla presenza di Crui, Andisu, Regione Puglia e Comune di Bari, anche Chiara Finocchietti, vicedirettrice del Cimea -Centro di Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche e Antonio Di Muro delegato Unchr che presenterà il Manifesto per le Università Inclusive che l’Università di Bari ha sottoscritto il 31 ottobre.