Bari, al Museo Civico una mostra che racconta il dramma dei migranti

Ci sono volti segnati dalla sofferenza, occhi che raccontano il dolore del distacco e la paura del futuro. Le foto della mostra fotografica del giornalista Francesco Malavolta, in corso a Bari nel Museo Civico, sono una testimonianza reale del dramma della migrazione.

L’evento, dal titolo” Popoli in movimento”, gode del patrocinio dell’assessorato comunale al Welfare e si pone l’obiettivo di mettere in luce la difficile situazione che vivono i migranti: donne, uomini e bambini costretti a fuggire, e spesso a morire, a causa di politiche volte a respingere invece che ad accogliere. La mostra è in linea con i fatti di attualità che sconvolgono continuamente la società. Sbarchi e arrivi di navi cariche di vite umane pronte ad affrontare qualsiasi cosa per avere un riscatto sociale. Le fotografie esposte rappresentano delle preziose testimonianze sulle esperienze vissute da queste persone. Mar Mediterraneo, Mar Libico ma anche il Canale di Sicilia, ogni luogo è stato scenario di sofferenza.

Storie di uomini e famiglie separate, una foto racconta lo sbarco nel 2011 di una barca con 250 migranti, tutti provenienti dalla Libia, in navigazione verso l’isola di Lampedusa. In quell’anno si registrarono circa 70 mila persone arrivate via mare in Italia. O l’immagine di un uomo che nel settembre 2015 pensava di aver perso la sua donna e invece è riuscito a incontrala su un gommone. Nelle giornate della mostra si sono tenuti una serie di appuntamenti dedicati al fenomeno migratorio. Incontri, eventi e dialoghi per raccontare un triste fenomeno della nostra società.

Share Button