Petrolio. Regione Basilicata, “agli sgoccioli” con Total e “insoddisfatti” con Eni

Capitolo petrolio centrale nella programmazione presente e futura della Regione Basilicata. Nella Sala Verrastro del Palazzo della Giunta, il vicepresidente Francesco Fanelli e l’Assessore all’Ambiente Gianni Rosa, unitamente al capo del dipartimento ambiente Michele Busciolano, hanno incontrato Arnaud Breuillac, responsabile esplorazioni e produzioni che ha guidato la delegazione del Gruppo Total per discutere del sito di Tempa Rossa. Incerti i termini sul quale si sta incalanando la trattativa. “L’inizio delle attività è imminente” – hanno comunque ribadito Fanelli e Rosa.

Nel pomeriggio, invece, al Dipartimento Ambiente, incontro con la compagnia Eni per la trattazione sul rinnovo degli accordi del 1998 per le attività petrolifere della concessione Val d’Agri. Resta un “cavillo” per chiudere la partita – è emerso. Nel contempo, si è tenuto un picchetto delle sigle Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, con i lavoratori delle aziende edili General Construction e Caruso srl: operanti all’interno del Centro Oli di Viggiano. “Sono inadempienti sugli stipendi – ha dichiarato il rappresentante sindacale Giovanni Galgano, sollevando anche un tema legalità nei confronti di Eni per chi opera all’interno del COVA. L’assessore alle Attività Produttive, Franco Cupparo, ha fatto da mediatore e annunciato un tavolo ad hoc per la prossima settimana.

Share Button