Xylella, Conte: “Pensiamo a un’Agenzia nazionale di ricerca per fermare la fuga dei giovani”

“L’unico export che siamo disposti a frenare, anzi che vogliamo fermare, è quello dei giovani. Non è più possibile continuare a formare i nostri ragazzi attraverso un grande dispiego di risorse e poi lasciare che sia qualcun altro a cogliere i frutti del loro talento e della loro preparazione. In questo senso, stiamo pensando ad un’Agenzia nazionale della ricerca, che ci permetta di rendere competitivo il nostro sistema e di trattenere i migliori ricercatori”.

Lo afferma il premier Giuseppe Conte in un’intervista all’edizione di Puglia e Matera del Corriere del Mezzogiorno. Sull’emergenza Xylella, che ha portato al disseccamento degli ulivi in Puglia, ribadisce che il Governo “sta lavorando con grande determinazione per rendere disponibili al più presto i fondi inseriti nelle ultime leggi, destinati al sostegno delle aziende che hanno subito danni provocati dall’ emergenza xylella. Il settore agricolo e agroalimentare sono punte di diamante di questo Paese. Eccellenze che il nostro governo vuole continuare a salvaguardare e proteggere”.

Share Button