Volo Brindisi – Roma soppresso, rabbia del Salento. Alitalia: “Volo stagionale”

“Viaggiamo a velocità supersonica verso l’isolamento. È una situazione inaccettabile, serve una mobilitazione unitaria di tutte le istituzioni locali, forze politiche e sociali per potenziare i collegamenti”. Il segretario generale della Uil di Lecce, Salvatore Giannetto, lancia un appello dopo la decisione di Alitalia di sopprimere dal prossimo 10 ottobre il collegamento Brindisi-Roma delle 7.30, prevedendolo solo nei mesi estivi. “In questo difficile momento storico – osserva – non possiamo permetterci di vanificare gli sforzi che facciamo per cercare di attirare investimenti, rilanciare il territorio, le nostre imprese, il turismo e l’occupazione. Tagliare i collegamenti aerei significa tagliare il futuro dei nostri professionisti, delle aziende, dei lavoratori, significa frenare lo sviluppo del Salento. Come possiamo competere sui mercati nazionali e internazionali se restiamo emarginati, tagliati fuori da qualsiasi rotta che ci collega col resto del Paese e del mondo? Non possiamo far passare sotto silenzio queste scelte incomprensibili, dobbiamo svegliarci e mobilitarci”. Per la Uil il problema non riguarda solo l’esiguo numero di collegamenti aerei con le più importanti città italiane ed europee, ma anche il costo “esorbitante” dei voli.

Immediata la risposta della compagnia di bandiera. Fonti della compagnia aerea Alitalia rendono noto che il volo in realtà non è stato soppresso, poiché previsto solo per la stagione estiva dal 1 giugno al 1 ottobre periodo in cui la richiesta per raggiungere il Salento è molto più elevata. «Tutti i passeggeri che però desiderano raggiungere Roma – spiegano – lo potranno fare con l’aereo delle 6.40 in partenza da Brindisi che consente di andare e tornare in giornata».

Share Button