Foggia, il premier Conte in Capitanata per firmare il Contratto istituzionale di Sviluppo

E’ stato accolto davanti alla Prefettura di Foggia con cori di benvenuto da un folto gruppo di sostenitori, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, giunto in Capitanata per sottoscrivere il Contratto istituzionale di Sviluppo che darà il via libera ai cantieri per il rilancio del territorio. Sono 43 i progetti in avvio, che interessano la viabilità provinciale e altre infrastrutture, servizi per il turismo, collegamenti con le isole, valorizzazione museale e culturale, fino allo sviluppo dell’industria farmaceutica e sanitaria. Con la firma per questi progetti, finanziati con 280 milioni già stanziati dal Cipe, viene concretamente avviato il Cis per la Capitanata, sviluppando investimenti per 534 milioni di euro. Il presidente del Consiglio si è detto orgoglioso di apporre la propria firma su un documento così importante per il Sud, per il quale occorrono misure particolari: “Il Sud richiede misure straordinarie. Abbiamo già messo in cantiere un piano per il Sud che va portato avanti comunque vada. Sta infatti partendo un Cis per il Molise, per la Basilicata e due sono già stati annunciati anche per la Calabria. Dobbiamo estendere anche alla Sicilia”. Il premier Conte ha poi incontrato una delegazione di residenti che vivono da 14 anni nei container di via San Severo a Foggia, andando a far visita ai tanti bambini che ci vivono. “Non mi piace promettere mi piace risolvere. Ho già inquadrato la situazione. Per chi ha una responsabilità pubblica venire a conoscere queste situazioni è il minimo. Il problema è risolverle” ha dichiarato. Tra i presenti anche il governatore pugliese Michele Emiliano, accolto tra urla e fischi dai sostenitori del premier.

Share Button