Costa Ripagnola, Direzione Italia: “Favorevoli al parco, ma non sia punizione contro l’azienda”

“L’area è già destinata a essere zona protetta”. Ma resta il dubbio sui danni che l’azienda potrebbe chiedere in caso di stop al progetto

Il parco a Costa Ripagnola si deve fare, ma perché è previsto da una normativa regionale e non come strumento punitivo nei confronti dell’azienda che lì vorrebbe costruire un resort che potrebbe comunque essere sostenibile. Direzione Italia commenta l’orientamento di Michele Emiliano che vorrebbe risolvere la questione che sta infiammando anche i rapporti all’interno del centrosinistra tagliando la testa al toro e dichiarando vincolata l’area costiera tra Mola e Polignano a Mare dove dovrebbe sorgere l’albergo diffuso al centro della polemica scatenata soprattutto dalle associazioni ambientaliste. Resta sullo sfondo la questione, non secondaria, del possibile risarcimento che l’azienda potrebbe chiedere, dal momento che avrebbe già ottenuto tutte le autorizzazioni necessarie per la realizzazione della struttura.

 

Share Button