Giovinazzo, Jhon Turturro riceve la cittadinanza onoraria

Da sempre il Sud Italia è stata terra di arrivi e partenze, di addii ma anche di ritorni. E Giovinazzo, piccolo Comune in provincia di Bari, non fa eccezione. Tra i suoi vicoli ha fatto ritorno, infatti, l’attore hollywoodiano Jhon Turturro, a cui sono state donate le chiavi della città. Una giornata di festa per tutta la comunità, ma soprattutto per i suoi 69 cugini che l’hanno accolto tra sorrisi, lacrime di gioia e abbracci. L’artista ha infatti origini giovinazzesi. Suo padre, Nicola Turturro classe 1925, emigrò negli Stati Uniti, a New York, quando era un bambino di soli 6 anni. Negli States, aveva trovato fortuna facendo il carpentiere. Poi era arrivato l’amore e il matrimonio con Katherine Incerella, di origini siciliane. Dalla loro unione, nel 1957 nacque Jhon Turturro che, nonostante la fama, la notorietà, i numerosi film che l’hanno visto protagonista, nonostante un Oceano di distanza, non ha mai dimenticato la sua famiglia, le sue radici, le sue origini. Numerose volte infatti è tornato in Italia, facendo tappa a Giovinazzo per ritrovare la sua famiglia. Jhon Turturro, quindi arrivato a Giovinazzo, è stato accolto dalla banda musicale del posto, accompagnato dalla sua famiglia, sua moglie, l’attrice Katherine Borowitz e suo figlio Diego. Calorosa l’accoglienza riservata dall’intera famiglia Turturro, tanti i doni ma soprattutto tanta l’emozione che ha accompagnato l’intera serata. L’attore hollywoodiano, protagonista ne “Il nome della Rosa”, diventato il caso televisivo dell’anno in Italia, ha quindi ricevuto la cittadinanza onoraria in una piazza gremita di gente, autorità locali, rappresentanti delle istituzioni e curiosi, che hanno preso parte alla serata, presentata dall’attore Enrico Lo Verso. Un evento fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Giovinazzo che considera Jhon, un figlio lontano, ma sempre tanto atteso. Tra i presenti anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano che nel suo intervento, sul palco allestito in Piazzale Areonautica Militare, sul Lungomare di Levante, ha parlato di un Sud che accoglie, sempre con grande calore e partecipazione.

Share Button