Lecce, può mangiare normalmente la bambina operata all’esofago

É tornata a mangiare normalmente la bimba di soli due anni alla quale era stato ricostruito l’esofago con un complesso intervento chirurgico eseguito all’ospedale Vito Fazzi di Lecce il 29 marzo scorso.

A comunicarlo è stato lo stesso ospedale che, attraverso le parole del direttore di Chirurgia Pediatrica, Carlo Rossi, ha espresso soddisfazione per questa sfida vinta dalla Sanità Pubblica del Sud Italia. Soddisfatto dell’intervento, perfettamente riuscito, anche il commissario straordinario dell’Asl di Lecce, Rodolfo Rollo.

É la prima volta, infatti, che a Lecce e nel Salento si esegue un intervento chirurgico così complesso.

Subito dopo l’operazione la bambina ha dovuto affrontare un difficile percorso di riabilitazione ed è stata a lungo in terapia intensiva. La piccola, nata con un moncone di esofago scollegato dallo stomaco, nei suoi due anni di vita non si era mai alimentata attraverso la bocca.

Superata ormai la fase post-operatoria dovrà imparare i movimenti corretti di deglutizione, eseguendo una serie di esercizi riabilitativi per l’alimentazione. Gesti per noi semplici, ma per lei del tutto straordinari.

Il delicato intervento è stato compiuto da una speciale équipe composta dal dottor Rossi e dal professor Adrian Bianchi, specialista maltese per anni in forza al Royal Manchester Children’s University Hospital. La piccola paziente dopo essere stata monitorata costantemente dal direttore della rianimazione del “Vito Fazzi”, può adesso incominciare la sua nuova vita.