Bari, a Ceglie del Campo si riscopre il passato attraverso l’archeologia

Sulle tracce dell’antica Caelia grazie al lavoro dei laureati dell’Università di Bari
La storia non si discute, ma spesso si dimentica. In epoca romana, soprattutto negli anni d’oro della Repubblica, uno dei centri più importanti dell’attuale terra di Bari era Caelia, punto di riferimento sulla via Minucia Traiana e snodo verso la Murgia e il tarantino. Oggi sull’abitato di Caelia sorge Ceglie del Campo, inglobata nel Comune di Bari, dove per ogni cantiere aperto si conta un ritrovamento archeologico, come pochi giorni fa in piazza Diaz, spesso trascurati per esigenze urbanistiche. Un patrimonio che l’Università di Bari ha voluto valorizzare nel corso di un incontro organizzato insieme all’associazione Kailia con il giovane archeologo Danilo Minafra. Un appuntamento che fa parte di un progetto più ampio, Uniba racconta, che la professoressa Paola Palmentola ha voluto portare a Ceglie, Rutigliano e Altamura suscitando tra i partecipanti un interesse quasi inatteso.

 

Share Button