Comunali Puglia: dalla Daunia al Salento vince il civismo

In Puglia è trionfo del civismo, anche se Lega e Pd confermano il trend registrato alle elezioni europee. Sono stati in tutto 67 i comuni chiamati al voto per eleggere il loro primo cittadino. 19 nel foggiano, 10 nel barese, 3 a Brindisi, 28 nella provincia di Lecce e 5 su taranto. Già in alcuni comuni si festeggia la vittoria: come a Cellamare con Gianluca Vurchio della lista civica “Insieme per Cellamare”. Giuseppe Giulitto, a Bitritto, eletto con circa il 65%. Anche a Gioia del Colle la partita si è conclusa al primo turno dove ha trionfato Giovanni Mastrangelo con la sua coalizione di centro destra. Buono anche il risultato raggiunto dallo sfidante di centrosinistra, Donato Paradiso, che si ferma sulla soglia del 30%. A Putignano e Rutigliano, invece, bisognerà attendere il 9 giugno: i due comuni andranno al ballottaggio: a Rutigliano il civico Giuseppe Poli ha raggiunto il 33% e sfiderà Giuseppe Valenzano del centrodestra che si è fermato al 31%. A Putignano la sfida sarà tra Marco Galluzzi del centro destra rappresentato dalla Lega, Forta Italia e la lista civica Vobis (qui la destra si è presentata divisa) e la civica Luciana Laera. Caso curioso si è registrato a Binetto dove la partita si è giocata tra due liste civiche: quella di Vitto Bozzi che ha vinto per soli tre voti su Pasquale Scarola. Eletti tutti i sindaci nel foggiano dove le civiche fanno da padrona. Buoni anche i risultati registrati alle comunali dalla Lega confermando così il trend del voto europeo. Nel Salento la partita chiusa in quasi tutti i comuni anche qui i neo sindaci eletti in liste civiche come per i 5 comuni chiamati a scegliere il loro primo cittadino nella provincia di Taranto.

 

 

Share Button