Mezzogiorno, la bioeconomia potenziale motore della ripresa

Un tesoro potenziale da 330 miliardi di euro, sostenibile e “tradizionale”. La bioeconomia potrebbe essere l’arma segreta in mano al Sud, come sostiene un rapporto del centro studi Intesa Sanpaolo realizzato in collaborazione con Assobiotec, presentato a Bari in ateneo. Un settore che la Puglia si è impegnata a sviluppare anche grazie all’accordo firmato tra Regione e Università di Bari.

 

Share Button