Bari. Il primo Sciopero Mondiale indetto da Fridays For Future

Annunciato da mesi, domani, 15 marzo 2019, il primo Sciopero mondiale per il Futuro, ad indirlo il movimento Fridays for Future. Il coordinamento barese, già all’attivo con numerosi sit in, scenderà in strada con un corteo a partire dalle 9,30.  L’appuntamento è in piazza Diaz, l’arrivo in Piazza Libertà.

Il programma prevede anche attività ludiche e artistiche per i più piccoli (scuole elementari e medie) e interventi per i ragazzi e le ragazze più grandi, dibattiti circolari sulla tematica del cambiamento climatico al fine di sensibilizzare un senso critico attivo e ponderato. In fine un piccolo spettacolo realizzato da tre ragazzi del liceo Socrate di Bari, che concluderà la mattinata ma non i Fridays for future, i quali proseguiranno ogni venerdì a venire.

Tante gli Istituti e Licei che domani rimarranno vuoti per protestare contro l’ingerenza dei potenti ai cambiamenti climatici, molte le associazioni che aderiscono come Wwf Levante Adriatico, Wwf Young Italy, Associazione di volontariato InConTra per i senza fissa dimora e famiglie indigenti, No Triv, ISDE, Lav, Lipu, Greenpeace, SISM, Zero Waste Puglia, Gaia – L’Altritalia Ambiente e ancora altre che stanno continuando a palesare la loro partecipazione sui canali di comunicazione del Fridays for Future barese.

Sull’onda dei movimenti contro il cambiamento climatico lanciati da Greta Thunberg il #fridaysforfuture, dopo essersi diffusa per tutta l’Europa e non solo, mette radici anche in Puglia, il tutto per dar voce alle nuove generazioni che chiedono politiche ambientali più costruttive e lungimiranti. L’invito a partecipare è aperto ad ogni scuola, associazione, università, o singolo individuo che voglia unirsi alla manifestazione.

“Gretas fight is our fight!” Con questo motto, vogliamo unirci alla lotta contro il cambiamento climatico lanciata da Greta Thunberg, formidabile e temeraria ragazza, che a soli 11 anni aveva già compreso l’importanza fondamentale di un impegno politico e sociale costante e attivo per la preservazione ambientale del nostro pianeta. Poche settimane fa, Greta ha parlato ai “grandi della terra” durante la Cop 24 in Polonia, senza paura di denunciare l’insufficienza delle politiche poste in campo fino ad oggi e lanciando un monito importante: non abbiamo più tempo! Dobbiamo agire in fretta, con razionalità e intelligenza a lungo raggio. La chiamata di Greta alla difesa della Terra non può restare inascoltata. Vogliamo attivarci unendoci al movimento “Fridays for future”, che invita soprattutto i giovani a non restare inerti di fronte all’indifferenza verso questo tema e a chiedere a gran voce, subito, soluzioni politiche ecosostenibili. Ricordiamoci che la Terra non ha bisogno di noi; ma noi abbiamo bisogno di lei.

Marianna Panzarino, prima a portare ed istituire il movimento FFF nel barese, scrive: “Siamo studenti e studentesse liceali, universitari/e, figli e figlie di una generazione cresciuta all’interno della crisi climatica globale. L’umanità sta attualmente causando la sesta estinzione di massa delle specie e il sistema climatico globale è sull’orlo di una crisi catastrofica. Gli effetti del cambiamento climatico toccano milioni di persone in tutto il mondo. Anche qui. Anche adesso.”

Share Button