Comune di Bari, vicenda Cassa Prestanza. Replica Decaro:”Sono solo bugie per fini elettorali”

Prima i consiglieri di centro destra in mattinata poi la presentazione nel pomeriggio dell’esposto in Procura da parte dei dipendenti ed ex dipendenti del Comune, guidati da Irma Melini. Ieri a Bari a Palazzo di Città, due le conferenze stampa convocate sulla vicenda della Cassa Prestanza. Arriva la replica del primo cittadino Antonio Decaro dichiarando che ieri sono state dette “solo tante bugie per fini elettorali”. Il suo obiettivo rimane quello di tutelare i dipendenti:  lo comunica in una nota dove evidenzia come “bugie e furbizie vengono utilizzati dai candidati alle prossime elezioni comunali alla ricerca di visibilità.  Un problema drammatico per i dipendenti comunali sul quale stanno speculando” afferma Decaro dopo le due convocazioni delle due conferenze stampa nello stesso giorno e che “non hanno portato a nessuna proposta di soluzione che sia sostenibile sul piano giuridico e finanziario”. Un problema quello della Cassa Prestanza, ammette Decaro, che risale al 2016 ma che ha cercato di affrontare rispettando sia le funzioni della magistratura contabile sia degli iscritti alla Cassa che adesso rischiano di non veder corrisposto i soldi versati. “Tutelare i dipendenti – si continua a leggere nella nota – è il mio unico obiettivo. Oggi, invece in conferenza stampa hanno parlato persone che hanno ben altri obiettivi. Da una parte, i politici che cercano qualche voto e non mi scandalizzo. Dall’altra, alcuni pensionati comunali, protestare duramente e rivendicare i loro soldi”. L’ obiettivo è quello di restituire le somme versate a tutti, nessuno escluso. La risposta del sindaco Decaro è chiara: nessuna conferenza stampa convocata ma una convocazione e d’assemblea della cassa Prestanza per parlare con tutti gli iscritti e presentare i risultati del lavoro che ho chiesto di predisporre a esperti e professionisti esterni all’amministrazione comunale”.

Share Button