Consiglio regionale lucano approva DDL Disposizioni urgenti

Nell’ultima seduta ordinaria della legislatura, via libera dal Consiglio regionale lucano al Disegno di Legge Disposizioni urgenti: provvedimento che adegua alcune disposizioni regionali alle indicazioni degli uffici governativi e recepisce le prescrizioni di leggi statali sulle materie oggetto di intervento. Raggiunta la maggioranza, registrato il voto contrario di Mollica del Gruppo Misto.

Nel testo, sì alle osservazioni formulate dal Ministero dell’Ambiente su disposizioni di legge in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica di siti inquinati. Evitata l’impugnativa del governo innanzi la Corte Costituzionale sulle misure straordinarie per contrastare l’emergenza cinghiali in Basilicata e recepiti nella legislazione regionale i precetti del federalismo fiscale in tema di Irap e Addizionale all’Irpef. Inoltre, approvato un emendamento nell’ambito della disciplina vigente sugli usi civici con procedura di semplificazione rispetto alla legittimazione delle occupazioni, sul Fondo Unico per le autonomie locali consentendone l’utilizzo anche per interventi di vigilanza del territorio, attraverso apposite convenzioni con imprese private di vigilanza. Approvati anche emendamenti sulle procedure autorizzative in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili ed accolti i rilievi del governo sulla remunerazione dei medici di continuità assistenziale. Poi il rompete le righe, a meno di una prossima variazione al bilancio.

Share Button