Annullati eventi con Franceschini, il nipote di una vittima: “Anche Salvini contrario”

Potito Perruggini, figlio della sorella di Massimo Ciotta ucciso da Prima Linea, “rivendica” lo stop all’iniziativa del Consiglio regionale
E’ stato il primo a sollevare direttamente il caso, e ne rivendica la primogenitura. Potito Perruggini è nipote di Giuseppe Ciotta, addetto alla sorveglianza originario di Ascoli Satriano e ucciso a Torino da Prima Linea esattamente 42 anni fa, il 12 marzo del 1977. Attraverso il suo osservatorio monitora da anni le uscite pubbliche degli ex terroristi, e non gli è sfuggito il caso di Alberto Franceschini che doveva parlare di Aldo Moro a Bari e Sannicandro in due eventi patrocinati dal Consiglio regionale della Puglia, poi annullati. E a chi gli fa notare che il diritto di parola non dovrebbe essere negato a nessuno, Perruggini ribadisce che è in discussione il patrocinio istituzionale all’evento.

 

Share Button