Reginald Green a Potenza: “Mio figlio Nicholas continua a vivere”

In Basilicata si conferma il dato di crescita nazionale, con un aumento del 16% dei donatori, mentre notevoli sono i numeri relativi alla diminuzione delle opposizioni da parte dei familiari, pari al 13% nel 2017, contro il 60% dell’anno precedente. Un primo risultato di attività di sensibilizzazione come quelle svolte da associazioni di volontariato tra le quali Ritorno alla Vita. E’ quanto emerso nell’incontro “Donare per continuare a vivere”, svolto nell’Auditorium dell’ospedale San Carlo a Potenza. Ospite Reginald Green, il papà del piccolo Nicholas ucciso a soli 7 anni nel 1994 durante una vacanza in Italia per mano di rapinatori. Il padre, oggi 92enne, è presidente di una fondazione divenuta protagonista in tutto il mondo, proprio in favore della donazione degli organi.

L’evento lucano, moderato dall’attrice Eva Immediato, ha visto la partecipazione di rappresentanti di istituzioni, medici e operatori socio-assistenziali vicini al tema. Prossimanente, Ritorno alla Vita Onlus sarà in Romania, Paese europeo ancora scarsamente attivo sulla donazione e dove è già in itinere una collaborazione con l’incubatore di imprese Palazzo Italia e l’associazione Livertrans di Bucarest.

Share Button