Taranto, miracolo dell’Epifania. Salva la vita di una bimba con intervento al telefono del 118

Un vero e proprio miracolo, quello che è accaduto a Taranto nella giornata del 6 gennaio. “Correte, mia figlia non respira più, sta morendo”. La chiamata al 118 di Taranto è un grido d’aiuto disperato: una bambina di 2 mesi mentre sta poppando il latte diventa cianotica, si irrigidisce, smette di respirare. Non piange e non risponde alle sollecitazioni della madre. Al telefono risponde Gianluca Ferrarese, l’infermiere operatore di turno alle 13, giorno della Befana, e assume il controllo della situazione: “Signora non perdiamo un istante, faccia subito a sua figlia le manovre che le detto”. L’infermiere impartisce le manovre di rianimazione e la madre dal telefono le urla al padre della piccola che le esegue. La bambina viene messa sulla coscia del papà a testa in giù e riceve in modo alternato pacche sulla schiena, tra le scapole, e dopo essere stata girata di 180 gradi compressioni sulla metà dello sterno, effettuate con due dita. “Non succede niente”, urla la madre. “Signora – replica l’infermiere – ripeta le manovre, faccia esattamente quello che le dico”. Passano due minuti drammatici e interminabili. Mentre la piccola riceve una nuova serie di piccoli colpi sulla schiena, riprende a respirare: “Sta piangendo”, grida la madre, “piange”. Dopo 7 minuti dalla chiamata, arriva l’automedica, la neonata ha un’attività respiratoria normale ma viene comunque portata al Pronto soccorso. “Questo episodio – commenta il presidente del Sis 118 Mario Balzanelli – sottolinea come moltissime vite possono essere salvate se si effettuano con immediatezza le manovre salvavita e se chi chiama si rende pienamente disponibile a mettere in pratica anche per la prima volte le manovre dettate in tempo reale dagli operatori del 118”.

Share Button